Paradiso Amaro: trama, trailer e recensione. George Clooney molto vicino all’Oscar

Paradiso Amaro: trama, trailer e recensione. George Clooney molto vicino all’Oscar

Paradiso Amaro, scene del film

Paradiso Amaro (The Descendants), il nuovo film che avvicina George Clooney all’Oscar, ci regala una clip e il trailer che anticipa il cast della pellicola e in particolar modo la giovane Shailene Woodley, qui nei panni della figlia, ma conosciuta principalmente come star di La vita segreta di una teenager americana. Viva Cinema ha visto la pellicola in anteprima e ve la racconta in questa recensione che mette in luce i punti di forza di una trama pronta a conquistare gli Academy Awards.

  • George Clooney in spiaggia in Paradiso Amaro
  • Clooney con i suoceri e la figlia in Paradiso Amaro
  • Clooney e famiglia in Paradiso Amaro
  • Il clan di Clooney in Paradiso Amaro

Paradiso Amaro è considerato da alcuni un piccolo capolavoro diretto da Alexander Payne che torna a sette anni da Sideways. In uscita il 17 febbraio su distribuzione 20th Century Fox, il film è basato sull’omonimo romanzo di debutto di Kaui Hart Hemmings.

Il trailer di Paradiso Amaro


Nella scena in basso troviamo l’attore nei panni di un padre “rimproverato” dalla figlia maggiore di non passare tanto tempo con la minore. Fin dal trailer s’intuisce come le atmosfere “paradisiache” delle Hawaii contrastino con il dramma del protagonista interpretato da George Clooney in una delle sue interpretazioni più toccanti. Nel cast ci sono anche Judy Greer, Matthew Lillard, Beau Bridges, Robert Forster e Shailene Woodley.

La trama di Paradiso Amaro
Protagonista di Paradiso Amaro è Matt King, interpretato dal regista de Le Idi di Marzo, marito e padre assente che viene a scoprire, quando la moglie subisce un incidente in barca al largo di Waikiki, alle Hawaii, di non essere stato l’unico uomo nella sua vita. L’evento porta Matt a riesaminare tutta la sua vita attraverso una serie di strazianti domande: da quanto tempo non parlavo con lei? Come ho fatto a lasciare che s’innamorasse di un altro? A cosa è servito accumulare denaro se tutto quello a cui avrei dovuto tenere sta andando in frantumi?
È tempo per Matt di riavvicinarsi alle figlie per prendersi cura di loro. Suo malgrado si trova davanti a due sconosciute, come racconta questa featurette: non sa cosa preferiscono mangiare oppure chi siano i loro amici. Entrambe si ribellano alla sua autorità e lo accusano del naufragio della loro famiglia.
In qualità di avvocato, Matt ha anche la responsabilità di vendere una delle proprietà più estese e redditizie dell’isola, ma presto gli interessi personali interferiscono nella sua decisione.

La recensione di Paradiso Amaro
Affrontare la malattia e la morte senza retorica è una delle sfide più delicate che si prefigge questa pellicola. Come si fa a trovare un equilibrio tra il dolore per la propria moglie o madre in fin di vita e il perdono che si aspetterebbe per aver tradito le aspettative? In questo sottilissimo confine s’inserisce il racconto di Paradiso Amaro che con pennellate delicate ma decise usa personaggi di forte impatto per valorizzare una solida sceneggiatura.
Uno dei pregi del regista sta poi nell’essere riuscito ad inserire la storia in un panorama mozzafiato senza che neppure per un istante fossero le Hawaii a rubare la scena ai protagonisti.
A chiudere il cerchio ci pensa un finale poetico, ma senza clamori.

A cura di Alessandra De Tommasi e Claudia Nuzzarello

781

Segui Viva Cinema

Dom 22/01/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici